Forum FALLIMENTI - LA LEGGE FALLIMENTARE

domanda di stato passivo - firma

  • Elisa Cattani

    Reggio Emilia (RE)
    19/03/2020 11:32

    domanda di stato passivo - firma

    Buongiorno.
    Ho ricevuto a mezzo pec una domanda di insinuazione da parte di un creditore, il quale ha formulato la propria richiesta nello stesso testo della pec, allegando poi i documenti giustificativi.
    Di fatto la domanda, pur contenendo tutti gli altri i riferimenti di cui all'art. 93 LF, manca completamente di firma.
    Ritengo quindi non sia ammissibile e vada integrata/riproposta.
    In ogni caso, approfitto per chiedere che valore possa avere la firma apposta su una domanda di ammissione al passivo spedita a mezzo pec consistente nella scansione di firma autografa apposta su un documento word poi scannerizzato in formato pdf, come in genere avviene.
    Non si dovrebbe pretendere la firma digitale?
    grazie per un Vostro riscontro
    • Zucchetti SG

      20/03/2020 19:43

      RE: domanda di stato passivo - firma

      Sul primo punto siamo d'accordo con lei. Come abbiamo detto altre volte, la pec è un veicolo attraverso cui si trasmettono le domande, ma non sono esse le domande.
      Sul secondo punto, invece, la prassi ci ha abituati a non essere molto rigorosi in quanto non è previsto un formato unico per le domande di insinuazione che arrivano alla pec del fallimento, spedite - diciamo per semplicità - dalla pec del creditore. Il formato tecnico della domanda di insinuazione, infatti, è dei piu diversi: classico PDF, oppure Jpeg, tiff , e tanti altri svariati formati, anche la foto delle pagine è ammessa, si ritiene ammissibile sia che la firma sul documento cartaceo sia posta in forma autografa (e poi il tutto sia scannerizzato) sia che si trasformi in pdf di un file word (ove la firma è una immagine incollata nel documento word). Non ci risulta, infatti, che siano mai sorte obiezioni all'accettazione di domande in formato pdf, ove nel documento la firma del creditore sia una immagine della firma" stessa.
      Venendo alla firma digitale va detto che si tratta di strumento "tutto italiano" e nonostante tutto non ancora alla portata del creditore "non professionista" .
      Zucchetti SG srl