Forum FALLIMENTI - RIPARTI

Opponibilità vincolo ASI - Versamento plusvalore

  • Angela Daniela Bonomo

    Gioiosa Marea (ME)
    27/01/2020 20:20

    Opponibilità vincolo ASI - Versamento plusvalore

    Buongiorno,
    chiedo cortesemente il Vs. parere sulla seguente questione:
    La società fallita Alfa quando era ancora in bonis, si è resa assegnataria di un'area ricompresa in un Consorzio ASI della Regione Sicilia, e sulla stessa ha realizzato un opificio industriale, appreso alla massa fallimentare.
    Nel regolamento per l'insediamento delle attività nell'ambito delle aree di competenza di detto ente è previsto che la vendita del bene da parte dell'assegnatario sia subordinata alla preventiva autorizzazione del Consorzio ed alla corresponsione di una somma pari alla differenza tra il prezzo originario pagato all'Ente ed il prezzo fissato al momento in cui viene concessa l'autorizzazione. Detto ultimo prezzo è stabilito da un decreto assessoriale regionale e si tratta di una somma fissa (che nella specie è di centinaia di migliaia di euro), non ancorata al prezzo di vendita dell'immobile. Nel regolamento è altresì espressamente previsto che tale disposizione si applichi anche in caso di fallimento dell'azienda assegnataria.
    Ora chiedo: tale vincolo, ossia il versamento del plusvalore, è opponibile alla procedura fallimentare, tenuto conto delle finalità pubblicistiche della stessa e degli interessi della massa dei creditori?
    La curatela, che ha ormai venduto il bene, è obbligata al versamento della somma prevista dalla suddetta disposizione regolamentare ?
    In caso affermativo, il credito vantato dal Consorzio ASI in quale categoria di crediti si collocherebbe ?
    Non tra quelli prededucibili, non potendosi ritenere – a mio avviso - che il pagamento di dette somme risponda agli interessi della massa e sia utile alla gestione fallimentare; né tantomeno tra quelli privilegiati, non essendo prevista la prelazione da alcuna disposizione di legge.
    E' da ritenere dunque – a mio parere - che ove la procedura fosse soggetta al superiore vincolo e fosse quindi onerata al versamento del plusvalore, il relativo credito del Consorzio dovrebbe essere collocato nella categoria dei crediti chirografari.
    Chiedo se sia corretta tale soluzione.
    Aggiungo per completezza che sui beni immobili in oggetto grava un privilegio ipotecario in favore di Riscossione Sicilia SpA.
    Vi ringrazio anticipatamente per la risposta che vorrete darmi.
    Vi ringrazio anticipatamente
    • Zucchetti SG

      28/01/2020 20:43

      RE: Opponibilità vincolo ASI - Versamento plusvalore

      I rapporti tra il Consorzio per lo sviluppo industriale e il soggetto che chiede l'insediamento sono regolati dalla convenzione che viene sottoscritta fra loro, non dal Regolamento dell'Ente; a volte tali convenzioni sono predisposte secondo modelli conformi al Regolamento, altre volte viene espressamente richiamato e allegato il Regolamento, altre vi è la previsione di accettazione dello stesso con la firma della convenzione. In sostanza, il Regolamento- e per quanto qui interessa, la clausola che ha riportato e la sua applicazione anche in caso di fallimento- deve essere, direttamente o indirettamente, accettata dall'insediato. Se ciò, nel suo caso è avvenuto (e questo richiede un esame approfondito del contratto intercorso e del regolamento), questo rapporto vincola anche il fallimento, che non può sciogliersi dal contratto, essendo stato adempiuto quanto meno da una parte.
      In tal caso, riteniamo che a lei abbia ragione a sostenere che il credito azionato dal Consorzio sia da collocare in chirografo. Sicuramente non è prededucibile perché, seppur la vendita è avvenuta in pendenza del fallimento, il credito trova la sua fonte nel contratto stipulato prima dello stesso, rispetto al quale la vendita individua solo il momento che rende esigibile il credito; non ci risulta che tale credito sia assistito da privilegio, pur non potendo escludere che la sconfinata normativa in materia sviluppo industriale nasconda tra le pieghe di un comma sperduto una qualche prelazione, che solo gli espeerti del settore conoscono.
      Zucchetti Sg Srl