Forum CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA

Imprenditore cessato senza beni: può accedere alla liquidazione dei beni?

  • Marcello Cosentino

    Venezia
    21/04/2021 16:32

    Imprenditore cessato senza beni: può accedere alla liquidazione dei beni?

    Buona sera, propongo 4 domande per un unico caso.
    Sono gestore di una procedura promossa da ex imprenditore, che ha regolarmente cessato l'attività da oltre un anno e che non è proprietario di alcun bene, mobile o immobile. Il sovraindebitato è ora dipendente statale assunto a tempo indeterminato, il cui relativo reddito netto è basso.
    I suoi debiti sono costituiti unicamente da tributi e contributi non versati durante il periodo in cui era imprenditore e quindi IVA, IRAP, IRPEF e contributi INPS.
    Vista la situazione patrimoniale nulla, avrei escluso la percorribilità del ricorso alla liquidazione del patrimonio ma, ho appena letto la risposta da Voi fornita al Collega Cappello del 20/9/2020 ed ho rivalutato il mio iniziale giudizio.
    1° domanda: sull'argomento ci sono state nuove sentenze che hanno rafforzato la possibilità di "liquidare" le entrate future?
    Inoltre, riterrei che, nel caso in questione, visti i debiti non estranei all'attività imprenditoriale, la possibilità del ricorso al piano del consumatore sia senza dubbio esclusa.
    2° domanda: siete d'accordo?
    Infine: supponiamo che si ritenesse di avviare un accordo con i creditori ma - vista l'esigua somma che il debitore potrebbe mensilmente versare ai creditori - l'accordo non potrebbe mai assicurare, addirittura sin da subito, la soddisfazione del 60% dei crediti.
    3° domanda: in tale ultimo caso l'accordo potrebbe essere comunque proposto ai creditori? Nel caso affermativo, i creditori che rappresentano il 60% dei crediti potrebbero approvare l'accordo?

    Molte grazie del validissimo supporto che ci fornite.
    Cordiali saluti
    • Zucchetti SG

      22/04/2021 19:44

      RE: Imprenditore cessato senza beni: può accedere alla liquidazione dei beni?

      Sulla prima domanda, ci sembra che continui la tendenza ad ammettere la liquidazione del patrimonio anche in assenza di beni, mobili e immobili, da liquidare ( abbiamo rinvenuto, Trib. Matera 24/07/2019; Trib. Roma 29.4.2019).,
      Sul secondo quesito, va confermato che la presenza di debiti derivanti dalla pregressa attività commerciale è ostativa al ricorso al piano del consumatore; tanto più che, ora, a seguito delle modifiche introdotte dal d.l. n.137 del 2020, convertito dalla l. n. 176 del 2020, alla legge n. 3 del 2012, è considerato consumatore "la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attivita' imprenditoriale, commerciale, artigiana o professionale eventualmente svolta, anche se socio di una delle societa' appartenenti ad uno dei tipi regolati nei capi III, IV e VI del titolo V del libro quinto del codice civile, per i debiti estranei a quelli sociali" (art. 6, comma 2, lett. b). Come si vede questa norma, nell'estendere la qualifica di consumatore anche ai soci illimitatamente responsabili, ancorché "fallibili" per ripercussione in caso di fallimento della società, precisa che il piano può riguardare solo i debiti estranei a quelli sociali..
      Quanto alla terza domanda, va precisato che la legge sul sovraindebitamento non richiede che l'accordo assicuri la soddisfazione del 60% dei crediti né prevede altri limiti minimi di soddisfazione. Il 60% è indicato nell'art. 11, ove indica la percentuale di adesione dei crediti da raggiungere per l'approvazione ("Ai fini dell'omologazione di cui all' articolo 12 , e' necessario che l'accordo sia raggiunto con i creditori rappresentanti almeno il sessanta per cento dei crediti"). Per la presentazione del ricorso, sotto questo profilo è sufficiente rispettare le condizioni di pagamento di cui all'art. 7; ovviamente più elevato è il livello di soddisfazione che si promette o si assicura ai creditori e più agevole è ottenere adesioni nella misura richiesta dalla legge, ma nulla esclude, che i creditori possano aderire in simile percentuale anche in previsione di un pagamento inferiore al 60% dei loro crediti.
      Zucchetti SG srl