ALTRO - Anatocismo

CONTRATTO ANTICIPO FATTURE

  • MARCELLA MASSA

    URAS (OR)
    01/09/2020 16:59

    CONTRATTO ANTICIPO FATTURE

    Buonasera, ho un dubbio in merito alla verifica dell'usura ORIGINARIA di un contratto di anticipo fatture.
    Il contratto prevede le seguenti condizioni:
    tasso 7,25%
    commissione estinzione anticipo fatture: Euro 10,33
    commissione presentazione anticipo fatture: Euro 10,33
    commissione interventi su anticipo fatture: Euro 10,33
    Spese per stampa lettera cessione del credito: Euro 3,10

    L'esame degli estratti conto evidenzia che le commissioni presentazione fatture e estinzione fatture venissero applicate per ciascuna presentazione/estinzione, mentre non risultanto mai addebitate le altre condizioni previste.
    Mi chiedevo se le commissioni previste in contratto siano da includere nel calcolo del TEG per la verifica dell'USURA ORIGINARIA e se debbano essere annualizzate al pari delle altre spese. A mio parere essendo connesse al rapporto di finanziamento devono essere incluse nel calcolo del TEG. Tuttavia, nel caso siano da includere, si rende necessario fare delle previsioni riguardo al numero di presentazioni/estinzioni di effetti, in quanto il tasso risulterebbe non usurario con un numero limitato di presentazioni nel corso dell'anno e, al contrario, usuario laddove il numero di presentazioni più elevato.
    Ho trovato, al riguardo, una risposta Banca d'Italia ai quesiti in materia di rilevazione dei TEG, ma non è chiara la risposta.
    Chiedo pertanto il vostro parere in merito e ringrazio anticipatamente.
    MARCELLA MASSA

    • Zucchetti SG

      01/09/2020 20:11

      RE: CONTRATTO ANTICIPO FATTURE

      I tassi soglia, il cui superamento determina un caso di usura, non sono fissati dalla Banca d'Italia ma determinati da un automatismo stabilito dalla legge, a partire dai tassi medi di mercato rilevati trimestralmente dalla Banca d'Italia e pubblicati dal Ministero dell'Economia e delle Finanze. A seguito del d.l. 70/2011, il limite oltre il quale gli interessi sono ritenuti usurari è calcolato aumentando il Tasso Effettivo Globale (TEG) medio di un quarto, cui si aggiunge un margine di ulteriori quattro punti percentuali, fermo restando che la differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a otto punti percentuali.
      Tanto premesso, ci sembra che la Banca d'Italia abbia optato per la prima delle opzioni da lei prospettate quando ha precisato che "Il TEG medio, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse, si riferisce agli interessi annuali praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari per operazioni della stessa natura". Noi interpretiamo questa espressione- che affettivamente non brilla per chiarezza- nel senso che i TEG medi rilevati dalla Banca d'Italia includono, oltre al tasso nominale, tutti gli oneri connessi all'erogazione del credito, per cui è questo dato composito che forma la base per determinare gli aumenti citati, oltre i quali gli interessi praticati sono da considerare usurari.
      Zucchetti Sg Srl
      • MARCELLA MASSA

        URAS (OR)
        01/09/2020 20:24

        RE: RE: CONTRATTO ANTICIPO FATTURE

        Buonasera,
        ringrazio per la sollecita e cortese risposta.
        Mi resta comunque il dubbio su come quantificare (al fine di verificare se alla data di conclusione del contratto lo stesso prevedesse condizioni usurarie) le commissioni previste in contratto, perchè il numero di presentazioni di effetti e il numero di estinzioni di anticipi, influendo sull'importo complessivo delle commissioni, potrebbe determinare un TEG superiore al tasso soglia.
        MARCELLA MASSA
        • Zucchetti SG

          02/09/2020 19:13

          RE: RE: RE: CONTRATTO ANTICIPO FATTURE

          Su questo non possiamo esserle utili perché non conosciamo gli atti. A nostro avviso, data la complessità della materia e dei dati, potrebbe essere utile un consulente.
          Zucchetti SG srl