Forum FALLIMENTI - PASSIVO E RIVENDICHE

art. 113 bis

  • Giuliana Pallucca

    MATELICA (MC)
    04/01/2016 12:57

    art. 113 bis

    Il provvedimento ex art. 113 bis, con cui il GD scioglie la riserva sull'ammissione ex art. 96 è impugnabile?
    Se si, con il reclamo ex art. 26 o opposizione allo stato passivo ex art. 98 ?
    Unica sentenza che sono riuscita a trovare è quella del Trib. Terni dell'11.02.2011.
    Ce ne sono altre?
    Grazie
    • Zucchetti SG

      05/01/2016 19:10

      RE: art. 113 bis

      Anche a noi risulta quale unico precedente quello da lei citato del Trib. Terni, 15/02/2011, per il quale "In mancanza di espressa disposizione, si deve ritenere che il provvedimento con il quale il giudice delegato modifica lo stato passivo e dispone il definitivo accoglimento della domanda accolta con riserva, possa essere impugnato con il reclamo previsto dall'articolo 26, legge fallimentare, il quale rappresenta lo strumento impugnatorio residuale per tutte le ipotesi in cui non sia dalla legge diversamente disposto".
      Il silenzio dell'art. 113bis in ordine alla impugnabilità del provvedimento del giudice che scioglie la riserva, ha creato la difficoltà di stabilire se detto provvedimento sia impugnabile secondo lo schema del reclamo ex art. 26 ovvero occorra fare ricorso al sistema impugnatorio dello stato passivo di cui all'art. 98 e la dottrina è equamente divisa in proposito.
      Il fatto che il provvedimento che elimina la riserva o rigetta lo scioglimento si riversa sul passivo determinandone una modifica ha indotto parte della dottrina ad equiparare il decreto ex art. 113bis a quelli di cui agli artt. 95 e 96, per cui esso dovrebbe essere comunicato sia al creditore interessato che a tutti gli altri creditori ammessi e potrebbe ssere impugnato ex art. 98 tanto dall'uno quanto dagli altri (F. Zecca, Sub art. 113-bis, in La riforma della legge fallimentare, a cura di A.Nigro, M. Sandulli e V. Santoro, II, Torino 2010, 1602; A. Nardone, Sub art. 113-bis, in La riforma della legge fallimentare, a cura di A.Nigro e M. Sandulli, II, Torino 2006, 707; A. Ruggiero, Sub art. 113-bis, in Il nuovo diritto fallimentarre, Commentario diretto da A. Jorio e coordinato da M. Fabiani, Bologna 2007, 1874). Altri autori, invece sostengono che il decreto di scioglimento delle riserve sia reclamabile con il sistema dell'art. 26, come affermato dal tribunale di Terni cit. (E. Bruschetta, Le riforme della legge fallimentare, a cura di A. Didone, Torino 2009, 1285; G. Bozza, Lo stato passivo in Trattato delle procedure concorsuali a cura di A. Jorio e B. Sassani, II, Milano 2014, 905; L. Guglielmucci, Diritto fallimentare, Torino 2008, 214).
      Noi optiamo per questa seconda soluzione perché detto provvedimento non viene assunto in contradditorio con gli altri creditori; non è richiesta alcuna motivazione, neanche succinta e, tranne che nel caso di riserva di presentazione dei documenti, non implica una valutazione del giudice ma una mera constatazione del verificarsi di un evento. Queste caratteristiche fanno preferire, seppur con qualche perplessità, la tesi dell'impugnazione con lo strumento dell'art. 26, che costituisce il mezzo normale di impugnazione dei provvedimenti del giudice delegato, tranne diversa previsione, come appunto l'opposizione allo stato passivo, che nel caso manca.
      Zucchetti SG Srl
      • Giuliana Pallucca

        MATELICA (MC)
        05/01/2016 20:54

        RE: RE: art. 113 bis

        Grazie per il dettagliato e prezioso aiuto.
    • Angela Gaziano

      LUCCA
      16/03/2020 16:06

      RE: art. 113 bis

      Vorrei sapere se in tema di scioglimento della riserva ci sono delle evoluzioni giurisprudenziali.
      Vi ringrazio del vostro prezioso contributo.
      A.G.
      • Zucchetti SG

        17/03/2020 19:50

        RE: RE: art. 113 bis

        No, non ci risultano novità su questo tema.
        Zucchetti Sg srl